Riflessioni sui simboli di Reiki

Come molti di voi sanno, i simboli reiki insegnanti nelle varie scuole e dai vari insegnanti di reiki, non sono sempre uguali, molto spesso hanno delle differenze più o meno evidenti.

Tutti dicono che i simboli anche se sono diversi funzionano, e questo è vero! Anche se le differnze portano ad avere delle differenze energetiche tra un simbolo e l’altro. Cerchiamo ora di capire perchè. Per prima cosa voglio sappiate che qualsiasi cosa oggetto e simbolo hanno delle energie intrinseche alla forma stessa dell’oggetto, della cosa o del simbolo. Il feng shui ci insegna che gli angoli retti che hanno la punta verso un direzione propro in quel senso emettono spesso energie negative. ed in questo caso non stimo parlado di geopatie, pittosto che nodi di Hartmann, ma di un angolo retto, quindi di una forma geometrica, pertanto stiamo parlando di una forma. Infatti le energie alle quali mi stò riferendo sono proprio chiamate onde di forma.

Tutte le onde elettromagnetiche, tra cui le onde cosmiche, le onde sonore, fino alle energie più sottili, comprese quelle emesse dall’attività cerebrale (onde P o pensiero) ed altre, non tutte misurabili da strumentazioni scientifiche, sono anche “onde di forma”. Queste, come dice la parola, sono prodotte dalla specifica forma di tutti i corpi, di tutti gli oggetti, dalle forme geometriche, dai disegni, dai simboli.
Tutto ciò che è, si tratti di materia, energia o informazione, ha forma. Tutto ciò che ha forma è anche “onda di forma”. La materia non emette solo le radiazioni conosciute, ma anche una vibrazione dovuta alla sua forma, la rifrazione angolare che è alla base di ogni emissione vibratoria, e che è stata battezzata “emissione ad onde di forma”, termine oggi usato comunemente da tutti i radiestesisti. La lunghezza d’onda delle onde di forma è infinitesimale, dell’ordine degli angstrom, molto vicina a quella delle cellule.

Bene, ora torniamo ai simboli del Reiki, come potete aver compreso, forme diverse generano onde (vibrazioni) diverse, di conseguenza energie diverse.
Pertanto che asserisce che i simbili funzionano tutti ha ragione, ma non tutti funzionano esattamente allo stesso modo in quanto le forme, sono diverse, seppur leggermente.

La seconda caratteristica dei simboli reiki o di quasiasi altro simbolo, è di rappresentare un concetto, una qualità, una quantità ecc. Inoltre il simbolo può essere di due tipologie: convenzionale, in forza di una convenzione sociale, oppure analogico: capace di evocare una relazione tra un oggetto concreto e un’immagine mentale. Nel primo caso il simbolo è espressione di un pensiero, nel secondo caso il simbolo è evocazione di un pensiero. La costante in entrambi i casi è proprio il pensiero. Ora, tutti sappiamo o abbiamo sentito l’assioma esoterico/spirituale : “Il pensiero crea”.

L’aspetto, forse ancor più importante, che accomuna i simboli di reiki nella sostanza a differenza della forma è proprio l’intenzione che si cela dietro il simbolo. questo è il motivo principale che porta tutti i simboli di reiki ad avere degli effetti simili.

Simili in quanto anche la forma ha una sua intrinseca valenza energetica. Ora sapendo come e perchè funzionano i simboli è logico dedurre che i simboli migliori che si possano utilizzare sono quelli che ha codificato e creato il maestro Usui, fondatore del Reiki. Lui era un maestro illuminato, quindi un essere che ha raggiunto la perfezione, pertante a fronte di questa considerazione possiamo dedurre con logica che la migliore forma di reiki sia inseganta dal Maestro Usui.

Con questo spero possiamo comprendere che modificare gli insegnamenti perfetti di Usui, con simboli modificati, tecniche modificate e visioni personali si un gesto di arroganza/ignoranza che spero al più presto possano essere abbandonati.

Oggi abbiamo la possibilità di ricevere reiki come lo aveva concepito il Maestro Usui, pertanto sarebbe bello facessimo tutti (i master) un atto di umiltà ricercando, accettando e cercando la verità del reiki.

5 commenti
  1. mafalda
    mafalda dice:

    Sei troppo forte e troppo preciso davvero Gianluigi. Hai specificato una grande verità entrando con semplicità nei particolari, cercando di informare tutti senza ferire alcuno. Complimenti! Ti stimo moltissimo e mi mancano le belle serate con il gruppo e i tuoi insegnamenti.

    Rispondi
  2. Domenico
    Domenico dice:

    Grazie Gianluigi, avendo seguito la scuola Komyo Reiki io utilizzo quelli originali del maestro Usui. Grazie infinite per le tue delucidazioni.
    Namaste

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.